I cookie ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi, l'utente accetta le nostre modalità d'uso dei cookie.

Un granellino di senape

Il Granellino di senape - L'estate

Il Granellino di senape - L'estate - (Mt 11,28-30)

L'estate è tempo di riposo. Per molti è solo tempo di riposo fisico. Non dimenticare che siamo fatti anche di spirito. Per questo motivo c'è bisogno anche di riposo spirituale. Un amico mi ha detto: "Padre Lorenzo, non vedo l'ora di andare a trascorrere una settimana in un convento per trovare un po’ di ristoro sia per il corpo che per lo spirito". Una cosa è certa: se lo spirito non riposa, neppure il corpo riposa. Questo lo dico per esperienza personale.
Cosa affatica lo spirito? È portare la croce quotidiana. Di che cosa è fatta la croce quotidiana? Di delusione, di dolore, di incomprensione, di preoccupazione, di sforzo nell'essere mite e umile, di rinnegamento del proprio io per compiere la volontà di Dio. Si, ci vuole davvero una forza di volontà per non cadere nella tentazione di dire: "Ora basta! Voglio vivere come meglio mi pare!".
Vivere "come meglio mi pare" significa dare sfogo a una vita sensuale, cioè vivere istintivamente. Il vivere istintivamente porta l'uomo a vivere egoisticamente. L'uomo spirituale trova il suo riposo e la sua consolazione nella preghiera e non nel chiasso della piazza o di una spiaggia. La preghiera è la forza e la consolazione del vero cristiano. Nella solitudine e alla presenza del Signore il cristiano viene accarezzato dalla dolce brezza divina che viene dal cielo. Dopo aver camminato e vissuto per quaranta giorni nel deserto, Elia, rafforzato dal pane e dall'acqua che l'angelo gli offre, sale sul monte Oreb dove si ferma in una caverna. Mentre prega e medita la Parola di Dio, il suo volto viene sfiorato da una brezza soave che dà conforto e sollievo sia al suo spirito che al fisico.
“Cosa fai in chiesa davanti al tabernacolo?”, chiedo a Giorgio. Ed egli: "Mi sto riposando." Diceva Agostino d'Ippona dopo una vita tormentata e vissuta nel vizio della lussuria: "Signore, il nostro cuore non riposa fino a quando non riposa in te”.
Chi prega si riposa, ma chi non prega diventa inquieto e nevrotico. Che l'estate sia un tempo di preghiera più intensa. Amen. Alleluia.
(P. Lorenzo Montecalvo dei Padri Vocazionisti)

Vuoi crescere nella fede? Leggi i seguenti libri di P. Lorenzo: DOVE SEI?...SOLO A SOLO...IL GRANELLINO...HAI FEDE?
Per richiederli, telefona ai seguenti numeri: 3313347521‬ - ‭3493165354.

Seguici su

Seguici sui Social

Questo sito non è una testata giornalistica, viene aggiornato senza periodicità definita. Non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001 e delle legge L. 47/1948.
© 2019 Murialdo Sicilia. All Rights Reserved.Development by G.M. e C.A.B.

Search