I cookie ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi, l'utente accetta le nostre modalità d'uso dei cookie.

Un granellino di senape

Il Granellino

Giovedì 4-10-2018 (Mt 11,25-3)

Francesco d'Assisi, grazie allo Spirito Santo, aveva compreso che, per diventare grandi davanti a Dio e agli uomini, bisogna diventare piccoli. Egli era piccolo fisicamente, ma lo diventò anche nello spirito. Comprese le parole di Gesù: "Beati i poveri in spirito, perché di essi è il regno dei cieli". Per diventare povero in spirito, Francesco si spogliò di tutte le ricchezze materiali. È vero, chi possiede le ricchezze di questo mondo si sente forte, potente e autosufficiente. Il ricco crede che la vita viene dal danaro. E questo è un grosso inganno in cui l'uomo può cadere. Per accumulare danaro, l'uomo perde la vita per esso. Vive per il danaro. La sua vita è consacrata al dio danaro. Solo se afflitto da una malattia grave, il ricco comprende che la vita (amore, gioia e pace) non viene dal danaro. 
Francesco voleva essere il più povero tra i poveri. Se incontrava un povero che indossava un saio più sgualcito del suo non esitava a togliersi il suo per darglielo. Sapeva che la dignità di un uomo non dipende dall'abito che indossa. L'ambizione di Francesco fu quella di diventare minimo. Perciò diventò servo di tutti. 
Rifiutò di essere il generale dell'Ordine perché sperimentava più gioia nell'obbedire che nel comandare. Povero e umile, Francesco viveva senza paura di essere derubato o messo da parte. La gioia è frutto della fede nell'amore del Signore. Francesco era grato al Signore per tutto quello che riceveva da Lui e dagli uomini. L'umile sa dire grazie, il superbo, invece, crede che tutto quello che è ed ha è frutto del suo lavoro. Perciò non deve dire grazie a nessuno.
Francesco ha restaurato la Chiesa con la sua conversione radicale a Gesù Cristo. Egli ha amato la Chiesa perché amava Gesù Cristo. Per questa sua grande passione per Gesù Cristo, il Santo d'Assisi attirava molti uomini e donne a seguire le sue orme di santità. 
Oggi la Chiesa, coinvolta in molti scandali e sballottata da dottrine varie e peregrine, ha bisogno di cristiani che siano, come Francesco, immagine viva di Gesù Cristo. Amen. Alleluia.
(P. Lorenzo Montecalvo dei Padri Vocazionisti)

QUESTA SERA, ALLE 22 (circa) SARÒ OSPITE DI RADIO MARIA.

P.S. Sono lieto di annunciarvi  che è pronto il terzo volume della raccolta de IL GRANELLINO dal 16 maggio "17 al 16 maggio "18. È un regalo da farsi e da fare. Per richiederlo, telefonare ai seguenti numeri: 331 3347521‬ - ‭349 316 53 54.

Seguici su

Seguici sui Social

Questo sito non è una testata giornalistica, viene aggiornato senza periodicità definita. Non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001 e delle legge L. 47/1948.
© 2019 Murialdo Sicilia. All Rights Reserved.Development by G.M. e C.A.B.

Search